Volete vivere in Francia? Ecco alcuni consigli che potranno esservi utili

 

Sono sempre più le persone che sognano di trasferirsi in Francia. Perché? Il suo fascino intramontabile, una vita culturale invidiabile ricca di storia, arte e letteratura, quell’atmosfera bohémien che non ha eguali al mondo sono fattori che sicuramente contribuiscono. Ma non è solo questo, i motivi sono principalmente 3:

1. La solidità dell’economia francese: al 5° posto della classifica mondiale.

2. Le buone condizioni del mondo del lavoro. Il reddito medio è sopra la media europea e si aggiunge un salario minimo piuttosto elevato.

3. Gli stage. Non solo dopo 2 mesi l’azienda è obbligata a riconoscere allo stagista un compenso (gratification), ma molti stage di fatto si trasformano in contratti di lavoro.

Lingua

I francesi si amano alla follia quindi, il primo imperativo per vivere in Francia è: impara il francese. Almeno le basi. I corsi per stranieri abbondano (dai un’occhiata al sito dell’FLE, l’Agenzia di Promozione della Lingua Francese), anche se il modo più divertente per fare amicizia con il francese sono sicuramente i tandem linguistici gratuiti organizzati dalle Università.

Costo della vita

Il costo della vita in Francia è abbastanza elevato ma la buona notizia è che anche gli stipendi sono più alti. Naturalmente il costo della vita cambia molto a seconda di dove si vive, Parigi è una delle città più care al mondo ma la situazione migliora parecchio se si opta per mete “alternative”. Nei piccoli centri è possibile affittare monolocali o piccoli bilocali con 500€ al mese circa. Nelle grandi città con la stessa cifra potrai permetterti al massimo una stanza in un appartamento condiviso.

Al costo dell’affitto vanno aggiunte naturalmente le bollette, che sono un discreto salasso. Un’altra spesa fissa da conteggiare è l’assicurazione contro gli incendi (circa 100€ l’anno) e l’assicurazione sanitaria (circa 600  l’anno), visto che lo Stato copre solo una parte delle spese mediche e dei medicinali.

Studiare in Francia

La Francia vanta 83 università pubbliche, in più l’eccellenza dell’istruzione e della ricerca è riconosciuta a livello internazionale.

All’università francese si accede dopo il baccalauréat, la maturità italiana, e non è previsto nessun test d’ingresso. Il sistema universitario segue il modello LMD: Licence (3 anni), Master, che può essere de richerche o professionnel, dopo il primo si può accedere al Doctorat, della durata di circa 3 anni, mentre il secondo termina con uno stage e permette di accedere direttamente al mondo del lavoro. La maggior parte delle università francesi dispongono di uno sportello di accoglienza per gli studenti stranieri, in cui vi daranno tutte le informazioni necessarie per sistemarvi e districarvi tra burocrazia e qualsiasi dubbio vi venga in mente.

Parallelamente alle università esistono le Grandes Écoles, istituti pubblici o privati, a cui si accede tramite concorso, o dopo due anni di classe preparatoria (CPGE: Classe Préparatoire aux Grande École). Gli ambiti di studio variano da Ingegneria a Commercio e Management, così come Scienze Politiche o Veterinarie, e rilasciano un diploma equivalente alla laurea magistrale italiana.

Per quanto riguarda gli alloggi per studenti, in Francia esistono le Cités-U gestite a livello regionale dal Crous. Sono città universitarie, camere o monolocali riservati a studenti, attribuite secondo la disponibilità economica di ognuno, con precedenza ai borsisti e studenti stranieri. In alternativa, esistono delle residenze private per studenti, per esempio quelle di Estudines, Adele o Clef, più care però delle prime.

Le tasse universitarie non sono così alte, variano più o meno dai 180€ annui per la laurea triennale ai 600€ circa per gli studenti di ingegneria, ovviamente per le scuole private i prezzi salgono. Gli studenti universitari comunque dispongono di tutta una serie d agevolazioni. In media uno studente straniero non lavorante ha bisogno dai 700 ai 900 euro al mese tra alloggio, trasporti e vita.

Lavorare in Francia

Trovare lavoro in Francia è tutt’altro che semplice. Questo non significa affatto però che sia impossibile, anzi. Si tratta di saper cercare nel posto giusto. Berlino è il primo partner commerciale di Parigi (Roma il secondo) e sono molte le aziende che hanno sede in entrambi i Paesi. Ecco perché la scelta più semplice per trovare lavoro in Francia potrebbe essere quella di farsi assumere da una di queste ditte in Germania o in Italia e poi chiedere il trasferimento nella filiale francese.

Un’altra strada è quella di trovare lavoro svolgendo la propria professione in Francia. Per capire se la tua professione rientri tra i lavori richiesti in Francia e se tu possa svolgerla con il titolo conseguito in Italia, rivolgiti al tuo ordine professionale oppure consulta il sito del Ministère du Travail, il Ministero del Lavoro. I settori più promettenti per trovare lavoro in Francia sono principalmente quattro:

·       1. Tecnologia (biotecnologie, nanotecnologie ed ecotecnologie).

·       2. Energie rinnovabili e sviluppo sostenibile.

·       3. Costruzione e ristrutturazione.

·       4. Economia digitale.

·       Altri professionisti che hanno buone possibilità di trovare lavoro in Francia sono quelli operanti nell’ambito della salute, dell’educazione e del commercio.

A parte Parigi, le città migliori dove cercare (e trovare) lavoro sono Marsiglia, Tolosa, Strasburgo, Lione e Bordeaux.

Documenti per poter lavorare in Francia

Come per gli altri paesi dell’Unione Europea, i cittadini italiani e tedeschi non hanno bisogno di visti o permessi speciali per lavorare e vivere in Francia. L’unico obbligo è quello di registrarsi presso il proprio comune di residenza entro 90 giorni: niente di complicato, una semplice formalità in vigore presso diversi paesi comunitari.

 

Conto corrente francese

Se hai deciso di trasferirti in Francia, in cima alla lista delle prime cose da fare c’è quella di aprire un conto corrente, senza il quale ti sarà quasi impossibile affittare casa. Il paradosso è che per aprire un conto corrente occorre un domicilio e almeno una bolletta pagata, quindi… una casa in affitto!

Come trovare un alloggio

Trovare un alloggio in Francia senza avere un lavoro è davvero complicato. Per avere qualche chance non solo devi avere un reddito regolare ma anche una cifra pari almeno al triplo dell’affitto depositata sul conto corrente. Perciò, se arrivi in Francia senza lavoro le soluzioni sono due: o prenoti un letto in ostello o cerchi una stanza economica. La cosa migliore, però, resta quella di appoggiarsi a qualcuno che vive lì e che sia disponibile ad ospitarti i primi tempi.

Puoi consultare i vari gruppi Facebook della città, la sezione dedicata agli annunci immobiliari dei giornali e delle riviste locali e spulciare regolarmente i seguenti siti: Pap,Housing Offers, Le Figarò.

 

 

ATTI DI MATRIMONIO

Avete bisogno della traduzione qualificata del vostro atto di matrimonio estero per ottenere il riconoscimento in Germania? Berlin Translate fa al caso vostro!

 

PASSAPORTO

Siete alla ricerca di una traduzione certificata del vostro passaporto? Compilate il modulo e riceverete la vostra offerta personale nella vostra posta elettronica

SENTENZA GIUDIZIARIA

Avete bisogno di una traduzione certificata della vostra sentenza giudiziaria? Le traduzioni di Berlin Translate sono riconosciute da tutte le autorità tedesche

Traduzioni qualificate di traduttori giurati
da DIN EN ISO 17100