Serie tv tedesche: le migliori

Berlin Translate Italia

Le migliori serie tv tedesche

Serie tv tedesche: le migliori 

Pensi non esistano serie tv tedesche all’altezza di quelle americane? Leggi questo articolo e ti ricrederai!

5 serie tv tedesche per i grandi appassionati

 

Le serie tv sono ormai la nuova passione di tantissima gente. Ti risucchiano nel loro mondo e anche dopo l’ultima puntata non riesci a smettere di pensarci. Con ogni serie è sempre la stessa storia, ne sei ossessionato e ne parli senza sosta fino a quando i tuoi amici non ti chiedono ti smetterla, o iniziano a guardarla.

Si sa, guardare un film o una serie tv in lingua originale trasmette sempre qualcosa in più e in qualche modo ti fa sentire più vicino e coinvolto nelle vicende. In questo modo tanti si sono avvicinati alla lingua inglese che, anche in questo settore, domina incontrastata. Per lo studio di una lingua guardare film o serie tv è indubbiamente un ottimo esercizio: senza accorgertene inizi a sviluppare grande orecchio e molti vocaboli o espressioni vanno a consolidare il tuo bagaglio di conoscenze. Inoltre può essere questo un ottimo metodo per conoscere e avvicinarti la cultura della lingua che studi, con le sue usanze, particolarità e modi di dire.

Per quelli che sono alle prese con lo studio della lingua tedesca, non è sempre facile purtroppo trovare serie tv che abbiano lo stesso fascino di quelle americane. Negli ultimi anni però anche in Germania, come del resto in Italia, o in Francia, tanti produttori e registi hanno iniziato a puntare molto sulle serie, ricevendo importanti finanziamenti e ottenendo anche buoni risultati.

Ecco qui di seguito quindi quelle che sono state votate come le migliori serie tv tedesche più recenti.

 

4 Blocks

Se c’è una serie tedesca che più di tutte sta sbancando in questo periodo, questa è senza dubbio “4 Blocks”. La serie proietta lo spettatore nella realtà della criminalità organizzata in Germania e tutto si svolge nel quartiere Neukölln a Berlino dove un potente clan libanese gestisce i suoi affari senza sapere di avere un agente sotto copertura tra le sue fila. Se da un lato la serie si rivela subito molto appassionante, dall’altro porta anche a riflettere su un tema molto attuale in Germania cioè come una mancata integrazione possa portare alla formazione di ghetti e quali sono le conseguenze di questo fenomeno.

 

Babylon Berlin

Gli americani non sono gli unici ad avere manie di grandezza: con dei costi di produzione di 40 milioni di euro per 16 episodi, “Babylon Berlin” si è aggiudicata il titolo di serie tv tedesca più costosa di sempre. È comprensibile quindi che le aspettative attorno a questa produzione fossero altissime. Per gran fortuna dei produttori, il pubblico ha accolto la serie più che entusiasta. Ispirata dal libro “Il pesce bagnato” di Volker Kutschers, la storia racconta dei crimini e dei delitti della Berlino degli anni ’20 e tiene lo spettatore incollato allo schermo anche grazie ad un cast di altissimo livello. Man mano che le vicende proseguono, sullo sfondo, gli psicodrammi di un’epoca nevrotica vengono interrotti bruscamente dalla presa di potere dei nazionalsocialisti.

 

Hindafing

Ogni volta che un regista tedesco presenta un progetto ambizioso, il paragone con le grandi serie americane diviene inevitabile. Così è successo per “Weinberg” accostata a “Twin Peaks” o per “La città e il potere” paragonata a “House of cards”. Ora è il turno di “Hindafing” già nominata la “Breaking bad” tedesca. Il protagonista, Alfons Zischl (Maximilian Brückner), è il sindaco della cittadina bavarese Hindafing e sta affrontando più di un problema: è così sommerso dai debiti che rischia seriamente di non essere rielleto, un test di paternità potrebbe mandare in fumo il suo matrimonio e soprattutto è dipendente da crystal-meth. La storia di quotidiana sopravvivenza di Alfons prende poi una svolta grottesca e si mescola con strane vicende tipiche dell’antica baviera. Grazie a questo plot twist la serie si orienta più verso un genere indipendentista e si allontana dal tipico modello americano.

 

Yor Are Wanted

Grazie a questa serie Amazon.de entra ufficialmente in concorrenza con il colosso Netflix. Il produttore e regista Matthias Schweighöfer si riscopre qui attore e veste i panni di Lukas Franke, direttore di un hotel, la cui vita è stata totalmente stravolta da uno sconosciuto hacker. A sua moglie Anna (Alexandra Maria Lara) vengono mostrate delle foto di un presunto tradimento, suo figlio subisce continue minacce e la polizia sospetta che lui sia connesso ad una pericolosa cellula terroristica. Lukas è completamente abbandonato a sé stesso e deve scoprire chi lo minaccia e soprattutto perché. Nonostante la sceneggiatura presenti, secondo alcuni, una o due piccole incongruenze, la serie ha avuto un grandissimo successo ed è risultata la più guardata su Amazon Deutschland. Tanti quindi sono in trepida attesa per l’uscita della seconda stagione prevista per marzo 2018.

 

Dark

Dark”, la prima serie tedesca prodotta da Netflix, è il thriller che ha retto, senza paura, il confronto con “Twin Peaks” e “Stranger Things”. Tutto ruota attorno ad una celebre frase di Einstein che lo spettatore deve tenere ben a mente: “Der Unterschied zwischen Vergangenheit, Gegenwart und Zukunft ist nur eine Illusion, wenn auch eine hartnäckige” (“La divisione tra passato, presente e futuro è solo un’illusione ostinatamente persistente”). In una piccola cittadina tedesca infatti, passato, presente e futuro si mescolano fino a diventare un tutt’uno indistinto. Dei giovani ragazzini indagano ma qualcosa di molto più grande di loro li aspetta.

 

Se l’articolo ti è piaciuto, lascia un commento, facci sapere cosa ne pensi e continua a seguirci su Berlin Translate 

Italie

Leave a Reply Text

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *